Il velo di Maya

Nella filosofia di E. Kant il noumeno, cioè la cosa in sé, non era conoscibile se non come concetto regolativo. Si poteva solo conoscere il fenomeno cioè la modalità attraverso la quale si manifesta a noi la cosa.

Kant per alcuni aspetti anticipa di secoli la “fenomenologia” di Husserl.

In Arthur Schopenhauer invece è possibile s-coprire il “Velo di Maya” che occulta le cose. E’ possibile togliere il velo e cercare di conoscere le cose nella loro natura. Come sono e non come le percepiamo. Questo resta lo sforzo maggiore di tutto il sapere filosofico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *